Piattaforma di informazione sul rapporto digitale fra macchine, persone e sicurezza. 

Matteo Marzorati Vaultik

Lotta alla contraffazione nell'ambito dei beni di lusso

Come si può garantire l'autenticità dei beni di lusso? Che cos'è il Digital Product Passport? La parola a Matteo Marzorati, product manager di Vaultik, un’innovativa startup pioniera nel settore tech, che protegge e garantisce l’autenticità in particolare dei beni di lusso.

di Redazione

 

Quali sono secondo lei oggi i maggiori rischi in cui si incorre quando si acquista un bare di lusso?

Il rischio principale in cui si incorre quando si acquista un bene di lusso include il furto, la contraffazione e la frode, che erodono la fiducia dei consumatori e danneggiano l’immagine dei marchi. Con l’8,3 % dei prodotti di lusso rubati annualmente, per un valore pari a 9,2 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti, la necessità di proteggere brand e consumatori è evidente. Inoltre l’espansione del commercio online intensifica il rischio di incappare in prodotti falsificati o rubati, rendendo più complessa la verifica dell’autenticità e della provenienza dei beni di lusso. La sofisticazione delle tecniche di replica, rende i falsi sempre più difficili da distinguere, e la facilità di generare certificati di proprietà falsi aggrava il problema. Infine, la visibilità della filiera è cruciale: conoscere l’origine del prodotto e la sua storia è fondamentale per assicurare la sua autenticità e mantenerne il valore nel tempo. La mancanza del meccanismo affidabile per testare l’autenticità e la storia di un prodotto rappresenta un rischio significativo di perdita di valore per il consumatore. Per questi motivi la trasparenza della filiera produttiva diventa un aspetto sempre più importante da considerare quando si acquistano beni di lusso.

In che modo la vostra startup si impegna nella lotta alla contraffazione?

Entro il 2027, ed entro il 2024 in Francia, i Digital Product Passport, i passaporti digitali dei prodotti e la responsabilità estesa del produttore saranno obbligatori in Unione Europea. I Digital Product Passport sono integrati sui prodotti fisici tramite chip nfc e QR Code, e sono asset digitali unici che rappresentano l’affidabilità e la storia del prodotto. Questo può però essere un costo estremamente alto per i produttori: in Vaultik abbiamo perciò deciso di sviluppare una soluzione che permetta ai grandi marchi e alle piccole e medie imprese, di poter essere conformi a queste normative nella maniera più semplice ed economica possibile, così da costruire barriere contro il mercato dei prodotti contraffatti, e garantire l’originalità degli acquisti al consumatore. Vaultik offre ai marchi la possibilità di generare entrate dirette, grazie a un CRM di ultima generazione che consente di proporre ai consumatori vantaggi e benefici su misura. Forniamo inoltre una valutazione in tempo reale di qualsiasi prodotto di lusso, per agevolare e incentivare la rivendita autenticata.

Come sfrutta la tecnologia blockchain per proteggere i prodotti di lusso?

Vaultik sfrutta la blockchain per creare un registro digitale immutabile per ogni prodotto di lusso. Questo registro consente di tracciare l’intero ciclo di vita del prodotto, dalla sua creazione fino alla vendita al consumatore finale, inclusi tutti i passaggi intermedi, come la vendita e il riacquisto o la rivendita e altra utilità, ad esempio la garanzia, l’assicurazione, eccetera. Questo ha lo scopo di fondere insieme proprietà e autenticità. La natura decentralizzata e immutabile della blockchain garantisce che le informazioni siano sicure, trasparenti e non manomissibili, offrendo una solida difesa contro la contraffazione e facilitando la verifica dell’autenticità e la provenienza del prodotto, allo stesso tempo garantendo la privacy del consumatore e del venditore.

Vaultik sta ridefinendo la proprietà di lusso nell’era digitale: in che modo?

Vaultik è la cassaforte digitale che protegge e collega i marchi di lusso e i loro clienti attraverso ogni acquisto. Grazie alla nostra tecnologia siamo la prima azienda a livello globale che fornisce assicurazioni su furto, smarrimento e danni attraverso degli e-certificates che sono dei certificati di proprietà digitali che vengono combinati con il Digital Product Passport, per fornire un livello aggiuntivo di sicurezza, per questo quando spieghiamo di cosa si occupa Vaultik ci piace pensare alle nostre nonne che portavano l’oro e i gioielli in banca per tenerli al sicuro: Vaultik sta rivoluzionando la proprietà dei beni di lusso trasportando questo concetto nel mondo digitale, mantenendo l’eleganza e il valore dei marchi di lusso e offrendo al tempo stesso nuove opportunità di esperienze ai clienti. Attraverso l’uso degli e-certificates Vaultik fonde insieme proprietà proprietà e autenticità: questo sistema non solo eleva la sicurezza e l’autenticità dei beni di lusso, ma apre la porta a un nuovo livello di interazione tra marchi e consumatori arricchendo l’esperienza di possesso con servizi esclusivi.

Cyber sicurezza: l'eccellenza italiana

Cyber sicurezza: l'eccellenza italiana

Lorenzo Asuni è Chief Marketing Officer presso Ermes Browser Security, la realtà italiana d'eccellenza nel campo della sicurezza informatica, che garantisce agli utenti una navigazione sicura e protetta nel paesaggio digitale.

di Redazione

GUARDA

Hacker virtuali

Mattia Dalla Piazza è CEO e cofounder di Equixly, la piattaforma SaaS che si basa su algoritmi di machine learning per prevedere e individuare problematiche legate alla Cybersecurity.

di Redazione

GUARDA
Niccolò De Carlo_Sensoworks

Il monitoraggio intelligente

Sensoworks è una startup innovativa nata nel 2020 specializzata in soluzioni di IoT applicate al monitoraggio di infrastrutture critiche ad uso civile, progetti di Smart City e Industria 4.0. Nell'intervista la parola a Niccolò De Carlo, CEO di Sensoworks.

di Redazione

GUARDA
Sicurezza partecipata a difesa delle donne

Sicurezza partecipata a difesa delle donne

Il CEO di 000 Intelligence of Things, Marco Santarelli, riflette insieme a Enzo Argante per Forbes sulla questione della violenza contro le donne dal punto di vista della sicurezza partecipata e del digitale.

“Il concetto di violenza, soprattutto quello sulle donne deve essere affrontato a due livelli: il primo, inasprire le pene anche per quelle che sembrano banali avvisaglie (stalking, persecuzione telefonica o con messaggi); il secondo, innalzare ogni tipo di violenza, quindi soprattutto quella femminile, a reato grave ed elevarlo al ‘rango’ dei cinque domini: aggiungere cioè ad aria, terra, mare, spazio e cibernetico, anche la violenza sulle donne. Questo permetterà di concentrare finanziamenti per forze dell’ordine e rafforzamento della difesa delle reti informative anonime. Vuol dire fornire assistenza a persone in difficoltà e associazioni private che potrebbero così contare su strumenti più adeguati per combattere questa nuova guerra”.

Qui l'intervista completa: Forbes

 

Videogiochi spia

È possibile che un appassionato di videogiochi si intrufoli nello spionaggio internazionale? Quali sono i rischi per la nostra sicurezza? 

GUARDA
Servizi segreti, spionaggio ed intelligence. Le Spie 007 del passato

Servizi segreti, spionaggio ed intelligence. Le Spie 007 del passato

Lo scrittore Cesare Ripa (Perugia, 1555 circa – Roma, 22 gennaio 1622), scrisse un’opera dal titolo “Iconologia, ovvero descrizione delle immagini universali”. Con quest’opera enciclopedica l’autore descrive e personifica concetti astratti, tra questi troviamo “La Spia”. Attraverso la ricerca e lo studio di questa immagine possiamo scoprire molti incastri e collegamenti della storia.

GUARDA
Come lavorano i Servizi segreti

Come lavorano i Servizi segreti

Cosa sono i Servizi segreti? Quando e perché sono nati? Aldo Giannuli, storico e saggista italiano, risponde a tutte le nostre domande sulla cosiddetta Intellgence.

GUARDA